Yangshuo

Partiamo da Dongguan con un bus notturno, dirigiamo la prua in direzione Nord-Ovest,obbiettivo Yangshuó. Lasciamo a malincuore Lisa, ma in noi, si fá sentire quel bisogno di “partire” comune a tutti i viaggiatori….
Per ragioni a noi ignote, invece che arrivare la mattina successiva, a mezzanotte l’autobus ci scarica ad un incrocio,dicendoci che siamo arrivati!!!
Improvvisiamo….troviamo una sistemazione in un vicoletto, e il giorno dopo, al risveglio, ci appare in tutto il suo splendore Yangshuo….
Questo paesino rurale dell’entroterra del Guangxi,si sta trasformando in meta turistica per viaggiatori, cicloturisti, comitive organizzate e camminatori come noi. Ci facciamo un’idea della city e il pomeriggio noleggiamo una bicicletta e partiamo all’esplorazione. Veniamo superati da vari Girardengo in versione cinese,mentre noi arranchiamo sotto un sole cocente, sudatissimi..Io (Fede) non voglio subire questi affronti,e cosí in ricordo del pirata mi metto a sfidare i vari saliscendi con uno stile e una classe da passista d’altri tempi.Risultato finale: maglietta e  pantaloncini impregnati e tatuati addosso,gambe in condizioni pietose, soste piú o meno camuffate, break sigaretta ogni km…
La Marty, con una calma olimpica, affronta la giornata, continuando a superarmi, dicendo “Te l’avevo detto di non andare troppo veloce, che la bicicletta non é per te”……
Finita la “Tirreno-Adriatico” cinese, quel “barbone” di fede decide bene di fare una sosta per darsi una sistematina da un barbiere (taglio barba 10 rmb/1,40 euro… Prezzo fisso India-Cina) che scopriamo essere un bravissimo musicista e nell’attesa mette a palla il video sul pc dove suona il suo “Erhu”…magnifico!
Ci rendiamo conto da subito che i vari venditori non sono molto interessati a noi e ci lasciano parecchio in pace, come mai?
Semplicemente sono tutti impegnati sui loro Smartphone (e chi non ha lo Smartphone in mano dorme o mangia!) e a noi non ci degnano di uno sguardo…ah che bei ricordi i tempi indiani,in cui se ti fermavi anche solo per un attimo ti assalivano in 15/20 persone, pronte a venderti di tutto…..
Il giorno dopo, io (Fede) sono abbastanza provato dalla pedalata precedente,mi appello alla clemenza della corte (Martina) per fare qualcosa di tranquillo…risultato finale 6 ore  di bicicletta pure stavolta…(necessito di altra strategia). Seguiamo vari sentieri che costeggiano lo Yulong River (fiume del drago di giada), risaie, campi coltivati e vegetazione rigogliosissima (come in India). Ci perdiamo tra gli scorci del territorio, nel senso stretto del termine, non troviamo piú il sentiero, e solo grazie alla disponibilità della gente e a Martina che rispolvera il suo cinese,troviamo la via giusta per rientrare.
The day after, mi faccio piú furbo, nel momento della domanda “cosa ti vá di fare oggi??”…. mi avvalgo della facoltà di non rispondere…incredibilmente funziona e passiamo la giornata in scooter a noleggio con scottatura solare annessa.. Le turtles ripartono, Yangshuo Guilin in autobus poi volo interno fino a Kunming e a seguire treno notturno con destinazione Lijiang nello Yunnan, il tutto in meno di 24 ore…speriamo bene…see you later….
3 parole per Yangshuo
Bamboo,Risaie,Pijiu yu (pesce alla birra,specialitá del luogo)

WP_20150528_017 WP_20150529_005 WP_20150528_026 WP_20150528_018 WP_20150528_003 WP_20150527_030 WP_20150527_022

Annunci

Un pensiero su “Yangshuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...