Gte Porto Azzurro-Procchio 

Dopo un abbondantissima colazione, partiamo da Porto Azzurro, compriamo  frutta e un pò di focaccia e via… non prima di esserci fermati qui….

Risaliamo la valle del Botro fino a Capo Galletti, per poi scollinare nella valle del Buraccio, coltivata a piante di olivo e vitigni.
Perdiamo quota fino a Casa Marchetti, per poi risalire, tra rosmarini e ginestre, in direzione Monte Orello.

E qua, il delirio. Scendiamo sbagliando sentiero, risaliamo tra un dedalo di rovi e riscendiamo da un altro sentiero, che però è interrotto, ci separiamo, perché Pecorì è sparito nella cava di calcare, per poi ritrovarci di nuovo sani e salvi a passo di Colle Reciso. Così ci mettiamo 2 ore invece di 30 minuti…

Risaliamo la Dorsale Centrale, arrivando a Poggio del Molino a Vento, dove, circondato da prati, il rudere domina il golfo di Laconi. 

Poi, sempre in quota, monte Barbatoia,  e monte S Martino,  per poi scendere verso l’abitato (solo idealmente.. è deserto totale) di Procchio… Troviamo da dormire in un appartamentino, poi cena preparata da noi….
23 km totali…. la branda ci aspetta…

3 parole. Orello, Rovi, Raboso del Piave…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...